Green pass all’estero: l’interpellanza di Nissoli (Fi) domani in Aula

Green pass all’estero: Nissoli (Fi) interpella Speranza
Settembre 8, 2021
Nissoli (Forza Italia Nord e Centro America): Domani, nell’Aula di Montecitorio, la mia interpellanza urgente sul Green pass per gli italiani all’estero.
Settembre 9, 2021
Show all

Green pass all’estero: l’interpellanza di Nissoli (Fi) domani in Aula

Green pass all’estero: l’interpellanza di Nissoli (Fi) domani in Aula

ROMA\ aise\ – “Ampliare” il più possibile “l’elenco degli Stati di cui l’Italia riconosce l’equipollenza delle certificazioni vaccinali”. Questo, in estrema sintesi, quanto richiesto da Fucsia Nissoli, deputata di Forza Italia eletta in Centro e Nord America, in una interpellanza urgente al Ministro della Salute Roberto Speranza.
L’interpellanza sarà discussa in Aula domani, come anticipa oggi la parlamentare.
“Domani illustrerò una interpellanza urgente al Governo sulla questione del Green pass per chiarire alcune criticità legate al Green pass per chi ha fatto la vaccinazione all’estero”, conferma Nissoli, che aggiunge: “pertanto ho ritirato la mia interrogazione a risposta scritta, depositata il 5 agosto 2021, sullo stesso argomento, alla quale il Governo non aveva ancora dato risposta”.
Segnalate le numerose criticità che stanno affrontando i connazionali all’estero, nell’interpellanza Nissoli chiede al Ministro “quali interlocuzioni siano in atto con le autorità sanitarie e governative dei Paesi extra-Unione europea in cui risiedono connazionali iscritti all’Aire, al fine di ampliare l’elenco degli Stati di cui l’Italia riconosce l’equipollenza delle certificazioni vaccinali con il nostro green pass e quali iniziative intenda mettere in atto per colmare il vuoto normativo che ancora resta per i molti casi di cittadini italiani residenti all’estero vaccinati – anche parzialmente – con preparati ad oggi non riconosciuti dall’Unione europea ma che – in ogni caso – hanno sviluppato una risposta anticorpale facilmente identificabile attraverso test sierologici e che, stanti le attuali conoscenze, non possono sottoporsi ad ulteriore ciclo vaccinale con altro prodotto”. (aise) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.