NISSOLI (FI): BENE RISPOSTA DEL SOTTOSEGRETARIO MERLO SULL’ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI

ALLINEAMENTO AIRE – ANPR: NISSOLI (FI) INTERROGA MOAVERO MILANESI
Agosto 2, 2018
NISSOLI (FI): LA MEMORIA DI MARCINELLE CI SPINGA A FAR SÌ CHE L’EMIGRAZIONE SIA UNA RISORSA PER IL NOSTRO SISTEMA PAESE
Agosto 7, 2018
Show all

NISSOLI (FI): BENE RISPOSTA DEL SOTTOSEGRETARIO MERLO SULL’ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI

NISSOLI (FI): BENE RISPOSTA DEL SOTTOSEGRETARIO MERLO SULL’ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI

NISSOLI (FI): BENE RISPOSTA DEL SOTTOSEGRETARIO MERLO SULL’ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI

ROMA\ aise\ – “Per quanto di competenza, la Farnesina, nella consapevolezza dell’importanza dell’allineamento dei dati anagrafici fra schedari consolari e AIRE comunali, continuerà a fornire il proprio contributo nel superiore interesse dei nostri connazionali residenti all’estero”. Così il sottosegretario agli esteri Ricardo Merlo ha risposto ieri in Commissione Esteri alla interrogazione di Fucsia Nissoli (Fi) sulla questione dell’allineamento dei dati AIRE con quelli dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente. Un problema, segnalava la deputata eletta in Centro e Nord America, che continua a persistere e che durante le elezioni ha portato alla mancata consegna di numerosi plichi elettorali poiché gli indirizzi erano sbagliati.
Rispondendo alla interrogazione, Merlo ha fornito i dati resi alla Farnesina dal Ministero dell’Interno: “in merito alle elezioni di 4 marzo scorso la Direzione Centrale per i Servizi Demografici del Viminale ha diramato la circolare 10/2017 con la quale ha invitato le Amministrazioni comunali ad effettuare i seguenti adempimenti: 1) verificare l’esattezza e la completezza dei dati registrati nelle AIRE comunali per evitare l’inserimento nel citato elenco di dati non corretti o incompleti e rettificare eventuali posizioni scartate dall’AIRE centrale 2) provvedere tempestivamente alla trattazione delle comunicazioni degli uffici consolari per evitare disallineamenti tra i dati registrati negli archivi comunali e quelli contenuti negli schedari consolari 3) effettuare la cancellazione delle posizioni duplicate e degli ultracentenari, per i quali non sia stata fornita la prova di esistenza in vita”.
“In quella sede – ha proseguito il sottosegretario – è stata altresì ribadita l’importanza del corretto utilizzo, nella trasmissione dei dati richiesti, del campo relativo al diritto di voto ed è stato inoltre evidenziato che i comuni subentranti in ANPR non devono provvedere ad effettuare alcuna trasmissione, essendo i relativi dati dell’AIRE già in possesso del Viminale, ferma restando la necessità per detti comuni di effettuare gli adempimenti sopra richiamati onde garantire la completezza degli elenchi. Nell’articolato percorso di attuazione del progetto dell’ANPR, si è inserito l’intervento del Commissario Straordinario del Governo per l’attuazione dell’Agenda Digitale, il quale, insieme al suo Team Digitale, ha individuato in ANPR uno dei progetti strategici dell’Agenda ed ha messo in campo alcuni correttivi per accelerarne i tempi di realizzazione. Contestualmente, per corrispondere alle richieste dei comuni che hanno rappresentato difficoltà economiche ed organizzative ad integrarsi nel complessivo disegno dell’anagrafe nazionale, il Dipartimento della Funzione Pubblica ha reso disponibili agli stessi, con la pubblicazione di un apposito bando, contributi finalizzati a incentivare l’ingresso in ANPR entro il 31 dicembre 2018”.
Concludendo, Merlo ha reso noti alcuni dati forniti dal Viminale: “ad oggi, sono 432 i comuni migrati in ANPR per 6.989.891 cittadini iscritti, mentre sono oltre 1.400 quelli in fase di pre-subentro. Inoltre, secondo i dati forniti oggi stesso al Viminale da SOGEI, il valore percentuale dell’allineamento AIRE-schedari consolari, riferito all’elenco unico 2017, è del 94,71 per cento. Per quanto di competenza, la Farnesina, nella consapevolezza dell’importanza dell’allineamento dei dati anagrafici fra schedari consolari e AIRE comunali, continuerà a fornire il proprio contributo nel superiore interesse dei nostri connazionali residenti all’estero”, ha concluso Merlo, aggiungendo che il Governo intende avviare i lavori per una modifica della normativa che disciplina il voto degli italiani all’estero.
Nella sua replica, Nissoli si è detta soddisfatta della risposta. “Nello spirito di collaborazione e nell’idea che il bene degli italiani all’estero è al di sopra degli steccati di partito, al di sopra delle divisioni tra maggioranza e opposizione, – il commento della deputata – confido nel Sottosegretario Merlo che conosce bene i nostri problemi, visto che è stato eletto all’estero, e sono sicura che si adopererà per cercare di risolvere il problema che ho sollevato nell’interrogazione, cioè l’allineamento dei dati anagrafici, e tutte le altre questioni che stanno a cuore alla Comunità italiana nel mondo”. (aise) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.