Nissoli (PI): bene esenzione IMU prima casa pensionati italiani all’estero, ora proseguire per esentare le prime case di tutti gli italiani all’estero

EXPO: Fitzgerald Nissoli (PI), Occasione Eccezionale per L'Italia
Maggio 14, 2014
L’on. FitzGerald Nissoli incontra la Comunità italiana di Montreal
Maggio 18, 2014
Show all

Nissoli (PI): bene esenzione IMU prima casa pensionati italiani all’estero, ora proseguire per esentare le prime case di tutti gli italiani all’estero

“Piena soddisfazione per il buon risultato raggiunto al Senato sull’esenzione dal pagamento IMU per i pensionati italiani iscritti all’AIRE”. E’ quanto ha espresso l’on. Fucsia FitzGerald Nissoli eletta alla Camera dei Deputati nella Circoscrizione estera – Ripartizione Nord e Centro America.

“Un successo ottenuto – ha riferito la deputata – grazie all’impegno dei Colleghi senatori eletti all’estero ed alla sensibilità del relatore al DL emergenza abitativa e del Governo che ha portato all’approvazione dell’emendamento del relatore, riformulato dal Governo, in cui si prevede che a decorrere dal 1° gennaio 2015, sarà considerata direttamente adibita ad abitazione principale, una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, iscritti all’Aire e già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso”.

Inoltre, sempre dal 2015, secondo lo stesso emendamento approvato in Senato, anche le imposte comunali Tari e Tasi saranno applicate, per ciascun anno, in misura ridotta di due terzi.

Un primo risultato importante – ha detto l’on. Nissoli – che dà il giusto merito ad una battaglia che stiamo conducendo da tempo, in Parlamento, e che ha come obiettivo il riconoscimento come abitazione principale dell’unità immobiliare posseduta in Italia a titolo di proprietà o di usufrutto da cittadini italiani residenti all’estero, a condizione che la stessa non sia locata, secondo quanto originariamente previsto per l’Imposta Comunale sugli Immobili dal D.L. 23-01-1993 n. 16, convertito dalla Legge 24-3-1993 n. 75, in modo da ristabilire la parità di diritto tra i cittadini italiani residenti i Italia e i cittadini italiani emigrati in materia di Imposta Municipale Unica (IMU). Il risultato raggiunto al Senato, pertanto, rapprenta un passo avanti concreto dal quale partiremo per arrivare a tentare di ottenere il pieno riconoscimento della parità dei diritti fiscali tra i cittadini italiani residenti sul territorio nazionale e quelli residenti all’estero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *