Nissoli (PI) chiede al Sottosegretario Giro di lavorare per modificare la Convenzione sulla sicurezza sociale tra l’Italia e gli Usa

Monongah
Commemorazione della tragedia mineraria di Monongah
Dicembre 7, 2015
Giornata Internazionale della Montagna
Dicembre 15, 2015
Show all

Nissoli (PI) chiede al Sottosegretario Giro di lavorare per modificare la Convenzione sulla sicurezza sociale tra l’Italia e gli Usa

(Roma, 2 dicembre 2015) – L’on. Fucsia FitzGerald Nissoli (PI), in seguito alle considerazioni espresse al Convegno sulla previdenza che ha organizzato, nel mese di ottobre, a New York, ha inviato, oggi,  una lettera al Sottosegretario Mario Giro per rappresentargli le esigenze della Comunità italiana che vive negli Usa per quanto concerne la previdenza sociale.

In particolare, al Convegno è emersa l’esigenza di aggiornare la Convenzione con gli Stati Uniti, per venire incontro all’attuale complessità del fenomeno migratorio e ai mutamenti che sono intercorsi in questi anni.

Infatti, “oggi, negli Usa – scrive l’on. Nissoli – vi è anche una presenza di lavoratori ex INPDAP oltre che di liberi professionisti. Tutto ciò rende necessario un aggiornamento degli accordi in essere in modo da contemplare nuove tutele per nuovi figure di lavoratori migranti emerse negli ultimi tempi”.

Infatti, al giorno d’oggi i lavoratori del settore pubblico che si trasferiscono negli Usa non possono godere della totalizzazione dei contributi previdenziali”.

Per cui l’on. Nissoli ha chiesto al Sottosegretario Giro di impegnarsi, all’interno del Governo, per “superare questa situazione discriminatoria e permettere anche ai lavoratori pubblici di usufruire dell’ Accordo Bilaterale Italia/USA con la Social Security Administration Statunitense (SSA)”.

Nella fattispecie, l’on. Nissoli ha chiesto al Sottosegretario Giro di adoperarsi “affinchè sia posta, al più presto, nell’Agenda del Governo, la modifica della Convenzione sulla sicurezza sociale tra l’Italia e gli Usa, in maniera che siano contemplati anche i suddetti lavoratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *