NISSOLI (PI): Cooperazione parte fondamentale sistema-paese

Nissoli(PI): Negli Usa per incontrare la Comunità italiana assieme al Ministro Mario Mauro
Gennaio 13, 2014
Lettera dell'on.Nissoli alla Presidente Boldrini sui comportamenti offensivi in Aula
Gennaio 23, 2014
Show all

NISSOLI (PI): Cooperazione parte fondamentale sistema-paese

la lingua italiana è parte della nostra identità‏

(9Colonne) Roma, 17 gen – Oggi, in occasione della conferenza stampa dal titolo: “La cooperazione universitaria Italia – Usa e il ruolo dell’Università La Sapienza a New York” in cui i relatori, in seguito all’introduzione della deputata Fucsia FitzGerald Nissoli, della commissione Esteri, e all’intervento della deputata Milena Santerini, della commissione Cultura, che ha evidenziato l’importanza della cooperazione universitaria e culturale nello scenario attuale, hanno illustrato i protocolli e gli scambi didattici e di eccellenza tra l’Università La Sapienza e gli atenei newyorkesi, con particole attenzione alla musicologia. In particolare, Nissoli, ringraziando l’Università la Sapienza e il prof. Carnovale, per l’attività di cooperazione svolta in Usa, ha ricordato come la cooperazione scientifica e culturale sia fondamentale per la promozione del made in Italy e come questo non possa prescindere dal coinvolgimento delle comunità italiane all’estero.

 “Con il passare del tempo – ha affermato Nissoli – il made in Italy è venuto a esprimere la percezione che gli stranieri hanno dello stile e gusto italiani, al punto da assumere una centralità strategica sul piano della comunicazione e del marketing, andando oltre la dimensione della ‘marca- territorio’: credo che noi dobbiamo raccogliere questa sfida nel mettere insieme il prodotto italiano e la cultura italiana, espressione viva del vivere italiano, e riqualificare gli sforzi indirizzati all’affermazione del ‘Sistema Italia’, con le sue caratteristiche culturali e linguistiche. In questo credo che l’attività dell’Università La Sapienza – ha concluso la deputata eletta in Nord e Centro America – sia particolarmente preziosa e spero che possa intensificarsi per unire il popolo newyorchese e quello romano e italiano, soprattutto oggi che a New York c’è anche un sindaco di origine italiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.