Nissoli(PI): al via petizione per riacquisto cittadinanza italiana

comunicato stampa Quebec
on. Nissoli riceve il Primo Ministro del Québec, on. Philippe Couillard
Maggio 27, 2015
massacro di charleston
Nissoli (PI): L’episodio di Charleston serva a riscrivere regole più severe sulla vendita delle armi
Giugno 21, 2015
Show all

Nissoli(PI): al via petizione per riacquisto cittadinanza italiana

(Roma, 11 giugno 2015) – Online la petizione alla Presidente Boldrini per la calendarizzazione della proposta di legge, a prima firma FitzGerald Nissoli, recante  “Modifica all’articolo 17 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di riacquisto della cittadinanza da parte dei soggetti nati in Italia da almeno un genitore italiano, che l’hanno perduta a seguito di espatrio”.

Si può sottoscrivere la petizione collegandosi al seguente link: Petizione modifica art. 17 legge 5 feb 1992, n.91

Con questa proposta di legge – sottolinea l’on. Nissoli – si intende venire incontro alle aspettative di quegli italiani che vivono all’estero e che hanno perso la cittadinanza ma che vogliono riacquistarla in seguito a mutamenti avvenuti nei vari ordinamenti giuridici. Se questa proposta di legge verrà approvata, gli italiani all’estero che hanno perso la cittadinanza una volta andati via dalla madrepatria potranno riacquistarla con una semplice dichiarazione al Consolato competente territorialmente, cioè senza un anno di residenza legale nel territorio nazionale italiano. Ci sono molte persone nella nostra comunità che sono nate in Italia, parlano italiano, hanno frequentato le scuole in Italia e addirittura hanno anche prestato il servizio militare, ma hanno perso la cittadinanza italiana. Ciò significa riconoscere sul piano giuridico una situazione di fatto, cioè un’identità italiana che non è mai venuta meno, colmando una lacuna legislativa per dare veste giuridica a una cittadinanza che è già viva nei cuori. L’augurio è che con il vostro aiuto il Parlamento sarà ancora più consapevole di questo problema, e procederà presto a mettere nell’agenda dei lavori parlamentari tale proposta di legge e ad approvarla”.

1 Comment

  1. Giuseppe Celotto ha detto:

    Buongiorno onorevole signora
    sono emigrato in Canada dal 1966 e un cattivo giorno ho ricevuto una lettera del Consolata Italiano di Monntréal domandandomi di mettere a poaato la mia situazione di cittadino italiano…ho inviato i documenti della mia venuta in Canada come emigrato .Non pensavo che si potesse perdere la cittadinanza senza farne la domanda…Infatti per tanti anni ho ricavuto la bolletta per votare nella città di Torino ,la mia ultima residenza in Italia..Sarei contetntissimo se potessi riavere quello che non ho mai voluto perdere essendo nato in Italia da genitori italiani e avervi vissuto per molti anni.Mi sarebbe piaciuto avere una risposta o spiagazione dal mio Consolato del fatto che ho perso la cittadinanza italiana allora che non ho mai voluto rinunciarla. Allora sono d,accordo con la vostra proposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.