SCUOLE ITALIANE ALL’ESTERO/ NISSOLI (FI): BASTA PRENDERE IN GIRO GLI ITALIANI ALL’ESTERO

CONTRATTISTI ITALIANI IN USA: NISSOLI (FI) INTERROGA ALFANO
Ottobre 11, 2017
Italoaamericani in trincea
Ottobre 16, 2017
Show all

SCUOLE ITALIANE ALL’ESTERO/ NISSOLI (FI): BASTA PRENDERE IN GIRO GLI ITALIANI ALL’ESTERO

14/07/2017 – 16.44

SCUOLE ITALIANE ALL’ESTERO/ NISSOLI (FI): BASTA PRENDERE IN GIRO GLI ITALIANI ALL’ESTERO

12

ROMA\ aise\ – “Apprendo, da fonti giornalistiche, che nell’incontro con la delegazione di parte pubblica, MAECI-MIUR, sull’attuazione del decreto legislativo, previsto dalla legge sulla “buona scuola” ed inerente la riforma delle istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero, i sindacati scuola hanno espresso unitariamente forte perplessità sui contenuti dei decreti attuativi per l’istituzione della “Cabina di regia”, prevista dalla legge 107/2015 e l’assunzione a contratto locale di docenti nelle scuole statali italiane all’estero al posto degli insegnanti di ruolo”. Così Fucsia Nissoli, deputata di Forza Italia eletta in Centro e Nord America, in seguito all’incontro avuto tra i sindacati della scuola e la delegazione governativa sul decreto che dovrebbe istituire una “cabina di regia” per la governance della scuola italiana all’estero.
“Nel merito, – continua la deputata – si prospetta la costituzione di una “cabina di regia” inefficace ed inefficiente, senza alcun potere di coordinamento decisionale, al contrario di quanto indicato espressamente nella legge sulla “buona scuola”, anche grazie al mio lavoro parlamentare”.
“Auspico, pertanto – continua – una radicale revisione della bozza di decreto sulla “cabina di regia” al fine di realizzare una effettiva task force politico-istituzionale in grado di affrontare le sfide della contemporaneità nel mondo e soddisfare al meglio la domanda di lingua italiana sia da parte della nostra Comunità all’estero sia da parte di chi è interessato alla nostra cultura. La bozza di decreto – conclude Nissoli – così com’è, non rispetta il dettato della legge e aggira la volontà espressa dal Parlamento. Siamo seri, basta prendere in giro gli italiani all’estero!”. (aise) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.